Alkmaar, l’Olanda del formaggio

di
Mercato del formaggio e la Waag di Alkmaar

Mercato del formaggio e la Waag di Alkmaar

Su piazza Waagplein, l’ombra tardo gotica della Pesa pubblica si allunga sul mercato del formaggio: migliaia di forme riempiono l’aria del loro profumo intenso, e fanno di Alkmaar la città olandese di questo prodotto.

Di antica tradizione, l’evento si tiene ogni venerdì mattina da aprile a settembre. Cosicché molti dei 93 mila abitanti di questo centro, nella regione della Frisia occidentale, possano assistervi un po’ come i loro avi.

Quelli che nel 1341 hanno eretto la cappella del Santo Spirito di Alkmaar. Nel 1582 l’hanno convertita in Pesa pubblica – Waag in olandese. E poi tra il 1595 e il 1599, hanno innalzato una torre civica con carillon e figure di guerrieri.

Nel suo interno, con base quadrata in mattoni, oggi c’è l’Het Hollands kaasmuseum – il museo del formaggio: simbolo dentro un altro simbolo che insieme caratterizzano la città e la raccontano raccolta tra le sue viette di infiniti negozi intorno ai canali esterni.

Così, bastano pochi passi da qui per ammirare l’eleganza tardo gotica dello Stadhuis lungo Langestraat – la via principale della città. Eretto tra il 1509 e il 1520, il municipio di Alkmaar ha una facciata a bande orizzontali in laterizi e pietra bianca.

Le finestre che aprono gli spazi sono crociate e coronate da abbaini e tetto alto. Al centro, una scalinata sale a doppia rampa, mentre sul fianco sinistro si alza una esile torretta barocca.

Pochi passi ancora, e si arriva di fronte all’imponenza della Grote of Sint-Laurenkerk. La Chiesa Grande di Alkmaar, o Chiesa di San Lorenzo, è il maggior esempio tardogotico di tutta la città olandese.

Edificata tra il 1470 e 1512 dal fiammingo Antoon I Keldermans vanta il grande organo costruito da Germer Galtus e Jacobus Galtus van Hagerbeer tra il 1638 e il 1645. Lo strumento venne ricostruito e completato nel 1723-25 dal tedesco Franz Caspar Schnitger.

Vicino al centro di Alkmaar, sul lato destro del canale Luttik Oudorp, c’è invece la Huis met de Kogel – la casa in legno verde del XV secolo sul cui timpano si trova una palla di cannone spagnolo sparata durante l’assedio della città.

Non lontano dal cuore della città, le Corti Hofje Van Splinter e Hofje van Paling en Van Foreest aprono i loro spazi curati ed eleganti a donne e uomini soli. Complessi residenziali, nati dal contributo di istituti e cittadini come predicato nella Bibbia, sono oggi oasi di pace.

Come le vie verdi che costeggiano il centro di Alkmaar, e scorrono al fianco dei canali insieme al riflesso di case delicate e giovani piante in fiore.

Per approfondire:
Wikipedia

I commenti all'articolo "Alkmaar, l’Olanda del formaggio"

Scrivi il tuo commento tramite

Loading Facebook Comments ...
Loading Disqus Comments ...